Banda ultralarga, Open Fiber “Regina” delle gare Infratel.

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Open Fiber, la società di Enel e Cdp (Cassa depositi e prestiti), è ufficialmente la nuova protagonista della banda ultralarga italiana.

La società capitanata da Tommaso Pompei si è infatti aggiudicata, dopo un lungo percorso, il bando Infratel da 1,4 miliardi per la realizzazione della rete in fibra di proprietà pubblica (la rete è in concessione per 20 anni) nelle aree bianche (a fallimento di mercato) di Abruzzo, Emilia Romagna, Lombardia, Molise, Toscana e Veneto per un totale di 3.000 comuni coinvolti, circa 6,5 milioni di cittadini, 3,5 milioni di unità immobiliari e oltre 500.000 sedi di imprese e pubbliche amministrazioni.

All’appello, allo stato attuale, restano fuori dalla partita solo Calabria, Puglia e Sardegna: per le tre regioni in questione è in preparazione un bando ad hoc che dovrebbe avere peculiarità differenti rispetto ai due già emanati.  Stando a indiscrezioni si procederebbe prima con l’appalto per la costruzione della rete e poi con un secondo appalto di concessione per la gestione della stessa.

All’orizzonte però incombe la minaccia ricorsi: oltre a Telecom Italia hanno deciso di affilare le armi anche Fastweb ed Eolo. La chiamata in causa del Tar del Lazio riguarda entrambi i bandi di gara.  Il tribunale amministrativo deve ancora esprimersi nel merito dei “dossier” sottoposti a giudizio. La questione non è da prendere sotto gamba: in ballo ci sono le regole dei bandi e a catena le gare, che rischiano – nell’ipotesi di un verdetto a favore dei ricorrenti – di essere annullate.

Open Fiber rischia inoltre di non avere gioco facile sul fronte della competizione infrastrutturale: nel business plan 2017-2019 Telecom Italia ha infatti alzato la posta degli investimenti nelle nuove reti; sul piatto ci sono 5 miliardi  di risorse per l’ ultrabroadband – rete mobile inclusa – con l’obiettivo di collegare, già di qui ai prossimi due anni, 50 città con connessione fino a 1 Gbit.

Share.

Commenti chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi