Sezione: Attualità

Durante questo 2019 la nostra newsletter ha esplorato il mondo della fibra ottica, i suoi sviluppi e le sue potenzialità, per mostrarvi quali sono i trend, le eccellenze e le sfide di un settore divenuto ormai imprescindibile dalle nostre vite. Abbiamo approfondito il tema della Banda ultralarga, una tecnologia grazie alla quale è stato possibile il diffondersi di servizi che tutti noi oggi conosciamo e di cui ormai difficilmente riusciamo a fare a meno. Quest’anno, inoltre, il Governo italiano ha stanziato ingenti fondi economici affinché le aziende e la società civile possano dotarsi di queste infrastrutture. Una sfida che Prysmian,…

Share.

Il modello delle Smart Cities si sta evolvendo per rispondere in maniera sempre più efficiente alle nuove esigenze di innovazione per edifici, infrastrutture e cittadini, con un particolare focus sui nuovi servizi di sicurezza, monitoraggio e asset management in una parola safe city. Ed è stata proprio la “città sicura” il tema di discussione al centro dell’ottava edizione del convegno organizzato da Prysmian Group e IATT – Italian Association for Trenchless Technology, “Safe City: le priorità del remote control”, che si è tenuto a Roma lo scorso 3 dicembre. Il convegno ha rappresentato l’occasione per fare il punto sulle tecniche…

Share.

La città intelligente, “Smart City”, si contraddistingue per l’insieme di strategie di pianificazione urbanistica volte all’ottimizzazione e all’innovazione dei servizi grazie ad un utilizzo sapiente della tecnologia. Alla base dei servizi per le smart city ci sono infatti le infrastrutture: le reti wireless o in fibra per la broadband, le reti di trasporto, quelle per l’energia e quelle per l’ambiente (rifiuti, rete idrica ecc.). Il concetto di città intelligente è tutt’ora in continua evoluzione e misurare il livello di “smartness” di una città non risulta semplice; pertanto, sono stati diffusi differenti criteri di valutazione, mentre le varie classificazioni sono in…

Share.

Perimetro di sicurezza nazionale cibernetica: mettere in sicurezza le reti nonché le piattaforme e i servizi informatici di amministrazioni pubbliche e di enti e operatori nazionali pubblici e privati. È questa la “mission” del nuovo decreto legge sul cosiddetto “Perimetro cibernetico” a cui ha dato il via libera il Consiglio dei ministri il 19 settembre. Il precedente disegno di legge – presentato prima della fine della legislatura 5Stelle-Lega – è stato dunque trasformato in un decreto, “considerata la straordinaria necessità ed urgenza”, si legge nelle righe iniziali del provvedimento che, nella versione approvata dal neo-governo 5Stelle-Pd, introduce anche un capitolo…

Share.

Con la dicitura “sicurezza informatica” (in inglese information security) si definisce l’insieme dei mezzi e delle tecnologie tesi alla protezione dei sistemi informatici in termini di disponibilità, confidenzialità e integrità dei beni o asset informatici. Un sinonimo spesso usato è cybersecurity, termine che ne rappresenta una sottoclasse, indicando quell’ambito della sicurezza informatica che dipende solo dalla tecnologia. Con esso si enfatizzano spesso qualità di resilienza, robustezza e reattività che una tecnologia deve possedere per fronteggiare attacchi mirati a comprometterne il suo corretto funzionamento e le sue performance (i cosiddetti “attacchi cyber”). Il termine cybersecurity è di uso piuttosto recente ed…

Share.

Il 25 settembre 2015, le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda Globale per lo sviluppo sostenibile e i relativi 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs nell’acronimo inglese), articolati in 169 Target da raggiungere entro il 2030. Attraverso questo importante documento, è stato espresso un chiaro giudizio sull’ insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo, non solo sul piano ambientale, ma anche su quello economico e sociale. In questo modo, ed è questo il carattere fortemente innovativo dell’ Agenda ONU 2030, viene definitivamente superata l’idea che la sostenibilità sia unicamente una questione ambientale e si afferma una visione integrata delle…

Share.

È arrivata l’ora delle aree grigie. Dopo l’assegnazione dei tre bandi pubblici Infratel sulle aree bianche – quelle a fallimento di mercato – e l’avvio dei relativi cantieri, l’obiettivo prossimo venturo è portare la banda ultralarga nelle aree dove si concentrano i tre quarti delle aziende italiane nonché buona parte dei distretti industriali e dove molte realtà non raggiungono i 30 Mbps e non poche sono addirittura al di sotto di questa performance per non parlare di quelle prive di connettività. A metà maggio si è conclusa la consultazione Infratel sulle aree grigie e nere: gli operatori di tlc hanno…

Share.

Il 3 marzo 2015, il Governo italiano ha approvato la Strategia Italiana per la banda ultra larga con l’ obiettivo di coprire, entro il 2020, l’85% della popolazione con infrastrutture in grado di veicolare servizi a velocità pari e superiori a 100Mbps garantendo al contempo al 100% dei cittadini l’accesso alla rete Internet ad almeno 30Mbps. Il piano è finanziato con 3,5 miliardi di € del Fondo Sviluppo e Coesione e 1,8 miliardi di € provenienti da programmi operativi regionali e nazionali 2014-2020. I primi due bandi sono stati aggiudicati ad Open Fiber, società partecipata di Cassa Depositi e Prestiti…

Share.

Carissimi, anche nel corso di questo 2018 vi abbiamo accompagnati, attraverso la nostra newsletter, in un viaggio all’interno del mondo della fibra ottica e delle sue potenzialità, raccontandone gli sviluppi, i trend, le sfide e le eccellenze, ma anche analizzando i motivi per i quali investire in una robusta infrastruttura di reti rappresenti la base per supportare le tecnologie di oggi e di domani, aprendo opportunità digitali senza precedenti per i cittadini e le realtà industriali. Siamo partiti dall’appuntamento annuale dell’ FTTH Conference di febbraio, il più importante evento europeo dedicato alla fibra e al Fibre To The Home, per…

Share.

All’incirca sei milioni di linee a banda larga è il dato con cui si chiude il 2018. L’Italia ha intrapreso il cammino dell’ alta velocità e, proprio quest’ anno, ha spinto fortemente sull’ acceleratore: un milione le connessioni a 100 Mb in più rispetto al 2017. È la tecnologia FTTC (Fibre-To-The-Cabinet) – secondo quanto emerge dall’ultimo Osservatorio trimestrale AGCOM – a tenere testa con 5 milioni di unità, seguita dal Fixed Wireless Access (650mila (accessi) e poi dall’FTTH (Fibre-To-The-Home) a quota 400mila accessi. Se spostiamo il focus sulle connessioni a 30 Mb/s, l’orizzonte si amplia: le linee sono passate dal…

Share.
1 2 3 6

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Chiudendo questo banner, cliccando “Accetto” o proseguendo la navigazione sul nostro sito, acconsenti all’utilizzo di cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi