Sezione: Attualità

Lo smart working è una tendenza che si sta consolidando. Si tratta di una tipologia di lavoro flessibile, volta a incrementare la produttività, conciliando al meglio lavoro e vita privata. Gli smart workers godono di uguale trattamento economico rispetto agli “insiders” e beneficiano della copertura Inail. Il principale vantaggio consiste nel non doversi legare a un luogo fisico fisso per lavorare: l’importante è che sia presente una connessione, preferibilmente in wi-fi. Anche l’orario di lavoro viene gestito autonomamente, purché si raggiungano gli obiettivi prefissati. Da questo punto di vista, giocano un ruolo cruciale gli strumenti a disposizione del lavoratore, quali…

Share.

Premio Ricerca & Sviluppo per l’innovazione in Prysmian Group. Prysmian Cavi e Sistemi Italia ha ricevuto ieri il “ Premio Ricerca & Sviluppo ”, che viene assegnato ogni anno da IATT al lavoro più innovativo realizzato negli ultimi due anni dalle aziende associate. In particolare Prysmian ha ricevuto il premio per il progetto FlexTube , giudicato dalla commissione come “il più prestigioso in quanto ha segnato un record mondiale nelle telecomunicazioni broadband”. IATT promuove l’avanzamento delle conoscenze scientifiche e tecniche nel campo delle tecnologie trenchless (no-dig) favorendone la diffusione presso enti ed amministrazioni pubbliche, aziende di gestione delle reti di servizi,…

Share.

Niente Europa digitale se non si rivoluziona la sanità. Partendo da questo assunto la Ue ha varato un manifesto ad hoc – la eHealth Declaration – che include le proposte di oltre 100 organizzazioni europee per lo sviluppo della sanità digitale in Europa. La Dichiarazione sottolinea gli ostacoli da superare per lo sviluppo dell’ e-health in Europa: la mancanza di fiducia nei servizi elettronici da parte degli utenti, la mancanza di interoperabilità tra sistemi IT, l’assenza di un chiaro quadro normativo di riferimento, la formazione inadeguata tra i professionisti dell’ health care. Il documento suggerisce dunque soluzioni per superare questi colli di bottiglia, come…

Share.

Il 2017 passerà alla storia della banda ultralarga italiana come l’anno delle gare Infratel, quelle per la realizzazione delle reti in fibra ottica nelle aree bianche (a fallimento di mercato). Open Fiber è la società che ha incassato tutti i lotti delle 15 Regioni protagoniste delle due maxi gare del valore complessivo di 2,6 miliardi di euro che consentiranno di cablare in modalità Ftth circa 7,7 milioni di unità e circa 1,5 milioni con tecnologie fixed wireless. All’appello mancano solo Calabria, Puglia e Sardegna, lasciate per ultime poiché già ampiamente dotate delle infrastrutture ultrabroadband. Fatte le gare ora bisognerà passare…

Share.

L’ Industria 4.0 non rimette in gioco solo i modelli di produzione ma apre nuove frontiere anche nella sicurezza delle reti. Nel nuovo modello tutti i macchinari sono interconnessi e producono una mole enorme di dati. Un attacco rischia di mandare in crisi l’intera catena di produzione e le “porte di accesso” sono numerosissime. Tutti i dispositivi mobili collegati al sistema aziendale rappresentano un fattore di rischio; stesso discorso vale per l’Internet of Things (IoT), altro pilastro della “fabbrica intelligente”. Proprio per sfruttare queste debolezze la criminalità informatica tende a farsi “industria”. Secondo Clusit, l’associazione italiana per la sicurezza informatica,…

Share.

L’Europa accelera sulla riforma delle Tlc . La commissione industria dell’Europarlamento (Itre) ha dato il via libera al nuovo Codice delle Comunicazioni elettroniche contenente numerosi provvedimenti tra cui: misure per favorire gli investimenti nel 5G e banda ultralarga, novità nel sistema di assegnazione delle licenze per lo spettro (25 anni di durata con revisione dopo 10), oltre al rafforzamento del Berec e a un sistema di 112 “al contrario”, che segnala situazioni di pericolo ai cittadini. Il testo concede ai regolatori nazionali più poteri per obbligare gli incumbent ad aprire le reti ai loro concorrenti, privilegiando di fatto il modello…

Share.

Si parla molto di cyber security e dell’importanza strategica e crescente delle reti di telecomunicazioni in quanto infrastrutture critiche abilitate al trasporto dei dati e non solo. “L’intelligenza” di cui sono dotate le reti di nuova generazione ultrabroadband  –  già in grado di riconoscere la tipologia di dati, di “imparare” dagli stessi per instradarli nella maniera più efficiente possibile e persino di “autoadattarsi” in tempo reale a specifiche necessità, in caso di picchi ad esempio  – apre nuovi scenari in termini di funzionalità e servizi, ma nello stesso tempo espone le infrastrutture a rischi crescenti. Le reti di Tlc non…

Share.
1 2 3 4

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi