Sezione: Attualità

Lo smart working è una tendenza che si sta consolidando. Si tratta di una tipologia di lavoro flessibile, volta a incrementare la produttività, conciliando al meglio lavoro e vita privata. Gli smart workers godono di uguale trattamento economico rispetto agli “insiders” e beneficiano della copertura Inail. Il principale vantaggio consiste nel non doversi legare a un luogo fisico fisso per lavorare: l’importante è che sia presente una connessione, preferibilmente in wi-fi. Anche l’orario di lavoro viene gestito autonomamente, purché si raggiungano gli obiettivi prefissati. Da questo punto di vista, giocano un ruolo cruciale gli strumenti a disposizione del lavoratore, quali…

Share.

Niente mercato unico digitale se non si rivoluziona la sanità. Partendo da questo assunto la Ue ha varato un manifesto ad hoc – la E-health Declaration – che include le proposte di oltre 100 organizzazioni europee per lo sviluppo della sanità digitale in Europa. La Dichiarazione sottolinea gli ostacoli da superare per lo sviluppo dell’ E-health in Europa: la mancanza di fiducia nei servizi elettronici da parte degli utenti, la mancanza di interoperabilità tra sistemi IT, l’assenza di un chiaro quadro normativo di riferimento, la formazione inadeguata tra i professionisti dell’ health care. Il documento suggerisce dunque soluzioni per superare questi colli di…

Share.

Il 2017 passerà alla storia della banda ultralarga italiana come l’anno delle gare Infratel, quelle per la realizzazione delle reti in fibra ottica nelle aree bianche (a fallimento di mercato). Open Fiber è la società che ha incassato tutti i lotti delle 15 Regioni protagoniste delle due maxi gare del valore complessivo di 2,6 miliardi di euro che consentiranno di cablare in modalità Ftth circa 7,7 milioni di unità e circa 1,5 milioni con tecnologie fixed wireless. All’appello mancano solo Calabria, Puglia e Sardegna, lasciate per ultime poiché già ampiamente dotate delle infrastrutture a banda ultralarga. Fatte le gare ora…

Share.

L’ Industria 4.0 non rimette in gioco solo i modelli di produzione ma apre nuove frontiere anche nella sicurezza reti. Nel nuovo modello tutti i macchinari sono interconnessi e producono una mole enorme di dati. Un attacco rischia di mandare in crisi l’intera catena di produzione e le “porte di accesso” sono numerosissime. Tutti i dispositivi mobili collegati al sistema aziendale rappresentano un fattore di rischio; stesso discorso vale per l’Internet of Things (IoT), altro pilastro della “fabbrica intelligente”. Proprio per sfruttare queste debolezze la criminalità informatica tende a farsi “industria”. Secondo Clusit, l’associazione italiana per la sicurezza informatica, il…

Share.

L’Europa accelera sulla riforma delle Tlc . La commissione industria dell’Europarlamento (Itre) ha dato il via libera al nuovo Codice delle Comunicazioni elettroniche contenente numerosi provvedimenti tra cui: misure per favorire gli investimenti nel 5G e banda ultralarga, novità nel sistema di assegnazione delle licenze per lo spettro (25 anni di durata con revisione dopo 10), oltre al rafforzamento del Berec e a un sistema di 112 “al contrario”, che segnala situazioni di pericolo ai cittadini. Il testo concede ai regolatori nazionali più poteri per obbligare gli incumbent ad aprire le reti ai loro concorrenti, privilegiando di fatto il modello…

Share.

Si parla molto di cyber security e dell’importanza strategica e crescente delle reti di telecomunicazioni in quanto infrastrutture critiche abilitate al trasporto dei dati e non solo. “L’intelligenza” di cui sono dotate le reti di nuova generazione ultrabroadband  –  già in grado di riconoscere la tipologia di dati, di “imparare” dagli stessi per instradarli nella maniera più efficiente possibile e persino di “autoadattarsi” in tempo reale a specifiche necessità, in caso di picchi ad esempio  – apre nuovi scenari in termini di funzionalità e servizi, ma nello stesso tempo espone le infrastrutture a rischi crescenti. Le reti di Tlc non…

Share.

Telecomunicazioni, acqua, luce, gas, ma anche trasporti: le infrastrutture critiche sono quelle la cui distruzione o interruzione anche parziale possono compromettere il funzionamento normale di un Paese. La globalizzazione e la liberalizzazione – con i loro aspetti economici, sociali, tecnologici e politici – comportano infrastrutture critiche sempre più interoperabili e integrate. Questi fenomeni presentano nuove e difficili sfide nella gestione e nella protezione di questi sistemi e, in particolare, impongono lo sviluppo di strategie innovative per garantire la continuità del servizio. Tra queste la sfida cyber. Nel 2018 nell’Unione Europea entrerà in vigore la Security of Network and Information Systems Directive…

Share.

Il nodo Comuni è il maggior ostacolo sul cammino della banda ultralarga italiana? È sempre lo stesso da anni e continua ad esserlo: la burocrazia. Nonostante gli sforzi del governo per mettere in campo risorse dedicate, nonostante il battage informativo, nonostante le evoluzioni tecnologiche che hanno consentito di semplificare, e non poco, la posa dei cavi (si pensi alle mini-trincee), nonostante gli investimenti al rialzo da parte degli operatori e dei produttori, la burocrazia continua a rappresentare l’intoppo maggiore. E la sfida più importante resta sempre quella a livello dei Comuni. Per fare un esempio, Open Fiber, la società di…

Share.

Una strategia comune sulla cybersecurity. La Commissione ha presentato un nuovo piano per la cybersecurity , in forma di proposta indirizzata al Parlamento europeo a al Consiglio. In occasione del discorso sullo stato dell’Unione il presidente della Commissione Europea, Jean Claude Juncker, ha sottolineato come la tutela dei dati, dei sistemi IT e delle reti, sia diventata oramai centrale e come serva una più stretta collaborazione tra gli stati, per rispettare la road map del mercato unico digitale al 2025. L’obiettivo è quello di rendere più coordinate, a livello europeo, le azioni relative alla sicurezza alla base – si legge…

Share.

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Chiudendo questo banner, cliccando “Accetto” o proseguendo la navigazione sul nostro sito, acconsenti all’utilizzo di cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi