Sezione: Tecnologia

“Rompere la curva energetica”, ossia invertire l’elevato consumo delle reti mobili in nome dell’ecosostenibilità ambientale e anche del business delle telco. È questa una delle sfide più importanti che attende gli operatori del settore nell’era del 5G eco sostenibile. Le stime sui consumi sono allarmanti: secondo alcuni studi se oggi i costi energetici del 4G rappresentano circa il 30% dell’ Opex delle telco, con il 5G il dato sarebbe destinato a raddoppiare, a causa del maggior numero di antenne in campo e anche dell’energia necessaria per alimentare i siti delle stazioni base nuove ed esistenti. Per non parlare poi delle…

Share.

Nel 2025 è prevista la realizzazione del piano europeo sulla gigabit society che mira a garantire connessioni Internet a un gigabit per secondo in tutte le strutture pubbliche, ma anche nelle aree rurali ed extra-urbane, attraverso l’utilizzo di un mix tecnologico di fibra e 5G , passando per il WiFi. La richiesta di moderne reti a banda larga è, dunque, in costante crescita e Prysmian Group, che è partner dei principali operatori nell’industria delle telecomunicazioni in tutto il mondo, non si è fatta trovare impreparata e ha presentato al mercato europeo quello che è stato definito “il cavo da record”.…

Share.

Il 2019 si prospetta come un anno chiave per lo sviluppo della banda ultralarga in Europa. Mentre l’Italia è alle prese con la possibile realizzazione della rete unica Tim-Open Fiber, l’Europa accelera sulla strategia per la realizzazione della gigabit society che mira a garantire, entro il 2025, connessioni internet a un gigabit per secondo in tutte le scuole, nelle strutture del trasporto pubblico e nelle Pubbliche Amministrazioni anche nelle aree rurali ed extra-urbane. In che modo? Attraverso l’utilizzo di un mix tecnologico di fibra e 5G, passando per il WiFi. Per raggiungere il target la UE ha stanziato, attraverso i fondi…

Share.

Vola il mercato mondiale della Smart Home. Secondo le previsioni di Transparency Market Research il valore è destinato a toccare 97,61 miliardi di dollari entro il 2025. La Smart Home ha solide basi soprattutto in Nord America dove si concentra il 38,7% del mercato mondiale. Gli Stati Uniti sono leader, seguiti dall’Europa: qui i Paesi più avanzati sono Francia, Germania e Regno Unito mentre l’Italia si colloca al quarto posto. A contribuire alla crescita esponenziale del mercato – con un significativo tasso annuo di crescita composto del 14,6% nel periodo di previsione dal 2017 al 2025 – c’è anche il fattore…

Share.

Inizia il conto alla rovescia per le elezioni parlamentari europee del 2019. I mesi fino al prossimo maggio saranno cruciali per fare il bilancio di quanto fatto sul fronte del mercato unico digitale, pilastro della strategia UE 2020, e per immaginare azioni strategiche da mettere in campo nei 5 anni a venire. La connettività ultraveloce è diventata l’asset principale di tutte le economie moderne, con Internet e la mobile economy che stanno spingendo il Vecchio Continente verso la rivoluzione 4.0, aprendo opportunità senza precedenti. In questo contesto, guardando al prossimo decennio, come possono i regolatori promuovere lo sviluppo di fibra…

Share.

Secondo i dati previsionali dell’ IFR, l’International Federation of Robotics, il numero di nuovi robot venduti nel mondo nel 2017 si attesta a 387 mila unità, per un giro d’affari complessivo di circa 50 miliardi di dollari. Cifre che portano il mercato mondiale, trainato dai paesi emergenti, a una crescita superiore al 30% rispetto all’anno precedente. In questo contesto prevale ancora il comparto dell’ automotive, che per i robot rappresenta il settore di mercato più importante, superando il 30% delle vendite totali. Proprio il settore Automotive è notoriamente il campo di applicazione dell’automazione e delle innovazioni e spesso in occasione dei…

Share.

Internet of Robotics Things : dagli oggetti ai robot, la sfida dei dispositivi connessi si prepara a prendere una nuova piega e a rendere le macchine pensanti sempre più pensanti, più flessibili nell’azione, più facilmente “addestrabili” e gestibili, anzi autogestibili. Il tutto con una potenza di calcolo ed elaborativa senza precedenti. E c’è da scommettere che presto, molto presto, si parlerà di Internet of Cobots, alias dei robot cosiddetti collaborativi, i “nativi” non più digitali ma dell’ AI (intelligenza artificiale) e del machine learning (apprendimento automatico). L’adozione dei sensori di nuova generazione, connessi e di prossimità, di cui saranno dotati anche…

Share.

Pronti alla svolta smart home in Italia. Nel 2017 il mercato, evidenzia la ricerca dell’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano, cresce del 35% rispetto all’anno precedente, per arrivare a un valore di 250 milioni di euro. Il comparto è trainato soprattutto dalle soluzioni per la sicurezza e l’efficienza energetica nonché caratterizzato da una forte convergenza tra diversi attori: le utility con la Smart Energy, le telco con i servizi per i cittadini, le assicurazioni, le banche, gli Ott, ma anche gli sviluppatori, gli installatori e infine i retailer. Il 70% del business è realizzato…

Share.

“Home is where IoT is”, dove c’è IoT c’è casa: ricorda il claim di un noto spot di qualche anno fa il nuovo “mantra” che si sta affermando a livello globale. L’ internet degli oggetti è infatti considerato il “pilastro” fondante del futuro mercato dell’abitare. Il termine “domotica” è ormai in disuso: smart home e IoT è la nuova formula che incarna forma e sostanza di una rivoluzione talmente disruptive che diventa difficile persino stimarne l’entità. Le stime delle principali società di analisi vengono aggiornate continuamente al rialzo. E di qui al 2025 si parla di un giro di affari che potrebbe…

Share.

VOD e SVOD Banda ultralarga e 5G “disruptive” per la tv: ecco cosa cambierà nei prossimi anni. La banda ultralarga e l’avvento del 5G rivoluzionano il modo di fruire la tv: tra gli utenti si diffonde sempre di più la tendenza di farsi i palinsesti da sé grazie alla facilità d’uso di servizi avanzati come il VOD (video on demand) e lo SVOD (Subscription video on demand). Secondo l’ultimo report di ITMedia Consulting , che traccia un quadro dell’evoluzione dei servizi tv fino al 2021, il 2017 ha visto la definitiva esplosione del VOD : il video on demand nei prossimi 4…

Share.
1 2 3

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Chiudendo questo banner, cliccando “Accetto” o proseguendo la navigazione sul nostro sito, acconsenti all’utilizzo di cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi