Sezione: Tecnologia

VOD e SVOD Banda ultralarga e 5G “disruptive” per la tv: ecco cosa cambierà nei prossimi anni. La banda ultralarga e l’avvento del 5G rivoluzionano il modo di fruire la tv: tra gli utenti si diffonde sempre di più la tendenza di farsi i palinsesti da sé grazie alla facilità d’uso di servizi avanzati come il VOD (video on demand) e lo SVOD (Subscription video on demand). Secondo l’ultimo report di ITMedia Consulting , che traccia un quadro dell’evoluzione dei servizi tv fino al 2021, il 2017 ha visto la definitiva esplosione del VOD : il video on demand nei prossimi 4…

Share.

Smartphone, tablet, applicazioni e strumenti di comunicazione unificata e collaborazione stanno cambiando per sempre il modo di lavorare negli ambienti d’ufficio. Si sta facendo strada un “workspace” virtuale, ubiquo non legato alla singola postazione, che deve venire incontro alle esigenze di mobilità delle persone, ma anche agli obiettivi di efficienza delle aziende che sempre meno dipendono dal numero di ore lavorate bensì dal “quantum” di creatività e responsabilità che ci mettono i lavoratori nell’espletare le loro attività. Il successo dello smart working in azienda dipende molto dell’uso che si fa delle nuove tecnologie e dalla strategia aziendale che basata sul…

Share.

L’ Arabia Saudita ha dato la cittadinanza a Sophia, il robot sviluppato dalla società di Hong Kong Hanson Robotics: si tratta della prima volta che viene riconosciuto lo status di cittadino a un “essere artificiale”. Durante un evento a Riyadh, Sophia ha espresso la sua gratitudine: “Grazie al Regno dell’Arabia Saudita. Sono molto onorata e orgogliosa di questa decisione. È un fatto storico”. Come afferma la Hanson Robotics, Sophia è un “robot social dotato di intelligenza artificiale e può processare dati visivi e reagire all’ambiente circostante. È quindi in grado di riconoscere le emozioni umane e rispondere in tempo reale,…

Share.

Si parla tanto di 5G e di reti di nuova generazione, ma spesso la percezione è di avere a che fare con una tecnologia che arriverà tra diversi anni. In realtà il 5G è molto più vicino di quanto si possa pensare. In Italia sono già 5 le città dove sono state avviate sperimentazioni – si tratta di Milano, Prato, L’Aquila, Bari e Matera – mentre in Gran Bretagna, pioniera della nuova tecnologia, il governo ha recentemente stanziato 25 milioni di sterline per finanziare test pilota. Si prevede che già nel 2020 il 5G diventi realtà. Si tratterà di una…

Share.

Garantire affidabilità nella trasmissione dati e al contempo risparmio energetico. È questa la sfida delle reti in nuova fibra. Oggi quasi tutti i network in fibra si basano sul vetro (silicato di sodio, ad essere precisi) che garantisce una bassa attenuazione – fenomeno che causa la diminuzione della potenza del segnale propagato – rispetto ad altri materiali. Negli Usa un team di ricercatori della Penn State University sta studiando un metodo per ottimizzare la resa del vetro e convertire i dati elettrici in segnali ottici durante la trasmissione per un “delivery” più rapido e ad alto risparmio energetico. Questa nuova…

Share.

Si parla molto di cyber security e dell’importanza strategica e crescente delle reti di telecomunicazioni in quanto infrastrutture critiche abilitate al trasporto dei dati e non solo. “L’intelligenza” di cui sono dotate le reti di nuova generazione ultrabroadband  –  già in grado di riconoscere la tipologia di dati, di “imparare” dagli stessi per instradarli nella maniera più efficiente possibile e persino di “autoadattarsi” in tempo reale a specifiche necessità, in caso di picchi ad esempio  – apre nuovi scenari in termini di funzionalità e servizi, ma nello stesso tempo espone le infrastrutture a rischi crescenti. Le reti di Tlc non…

Share.

Banda larga a velocità della luce? Un sogno che può diventare realtà. Si chiama Li-Fi, il sistema corrispondente ottico del Wi-Fi. Introdotto per la prima volta da Harald Haas, docente di comunicazioni mobili all’ Università di Edimburgo, in uno speech, un discorso al Ted Global nel 2011, la particolarità del Li-Fi sta nel fatto che le frequenze occupate per le comunicazioni appartengono allo spettro della luce visibile e non a quelle radio. Con una serie di interessanti conseguenze. Per prima cosa con il Li-Fi viene a mancare il conflitto con ogni trasmissione radio, in termini di interferenza dovuta all’occupazione dello…

Share.

Così si trasforma la fabbrica – Internet of Things , interfaccia uomo-macchina, catene di montaggio “pilotate” da remoto. Sono solo alcune delle tecnologie chiave per l’Industria 4.0, abilitate da connessioni che devono essere sempre più potenti. In questo contesto il 5G gioca un ruolo chiave: il poter connettere alla rete in maniera più funzionale i sistemi ma anche le aziende e clienti, rappresenta un’esigenza basilare nella proposta di soluzioni di nuova generazione che sottendono l’utilizzo di reti di trasmissione più veloci e affidabili. Ma perché il 5G è essenziale per lo sviluppo dell’ Industria 4.0 ?Per prima cosa per la…

Share.

Smart city – Le città alla sfida dell’ urbanizzazione intelligente  e sostenibile. Oggi circa il 54% della popolazione mondiale vive nei grandi centri. Entro il 2020 – prevedono i World Urbanization Trends dell’Onu – il tasso di urbanizzazione in Europa raggiungerà percentuali fino all’80% mentre in America i livelli saranno ancora più elevati. Si tratta di numeri “importanti” che vanno letti ed interpretati anche alla luce delle recenti evoluzioni tecnologiche – condivisione e analisi dei dati, ad esempio – e di come queste possano fornire nuove soluzioni ai problemi derivanti da questa poderosa crescita. Un esempio di come la tecnologia…

Share.

Gare Infratel, Open Fiber, la società di Enel e Cdp (Cassa depositi e prestiti), è ufficialmente la nuova protagonista della banda ultralarga italiana. La società capitanata da Tommaso Pompei si è infatti aggiudicata, dopo un lungo percorso, il bando delle gare Infratel da 1,4 miliardi per la realizzazione della rete in fibra di proprietà pubblica (la rete è in concessione per 20 anni) nelle aree bianche (a fallimento di mercato) di Abruzzo, Emilia Romagna, Lombardia, Molise, Toscana e Veneto per un totale di 3.000 comuni coinvolti, circa 6,5 milioni di cittadini, 3,5 milioni di unità immobiliari e oltre 500.000 sedi…

Share.
1 2

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi