INCIPICT, progetto per L’Aquila Smart City

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Il concetto di “città intelligente”, “Smart city”, grazie al suo innovativo potenziale tecnologico, viene oggi applicato sempre più a quei centri urbani che necessitano di grandi progetti di ristrutturazione e riqualificazione.È il caso della città dell’Aquila, in Abruzzo, colpita da un forte terremoto nel 2009 e la cui ricostruzione, tuttora in corso, sta offrendo l’opportunità di indirizzare la città verso un modello di sviluppo innovativo, nel pieno rispetto delle sue radici storiche e delle sue vocazioni culturali, anche grazie all’ambizioso progetto INCIPICT.

Finanziato con fondi pubblici legati alla ricostruzione e basato su un grande progetto coordinato dall’Università degli Studi dell’Aquila in collaborazione con l’Amministrazione cittadina, Aziende qualificate e altre Università e Centri di Ricerca, il progetto INCIPICT ha come obiettivo lo sviluppo e la sperimentazione di applicazioni e tecnologie innovative nel settore dell’Internet delle cose (IoT) e delle Smart city, attraverso reti in fibra ottica e tecnologie 5G.

Alla base del progetto INCIPICT c’è la costruzione di una rete ottica sperimentale per costruire un MAN – Metropolitan Area Network – che consiste in un anello ottico per collegare i siti principali e più importanti della città dell’Aquila.

L’anello ottico prevede l’uso di alcune tecnologie sperimentali progettate per testare, tra gli altri, nuovi sistemi ottici, in particolare PON a lunga portata, e Software defined optics.

Questa rete ha l’obiettivo di fornire il substrato essenziale per la costruzione di soluzioni avanzate per la fornitura di servizi come HDTV di alta qualità o servizi cloud on-demand ultraveloci, reti di sensori e servizi mobili.

In particolare, alcuni di questi servizi supportati dalle tecnologie 5G risultano molto utili se applicati in situazioni di grande pericolo perché permettono, ad esempio, una gestione delle emergenze attraverso la geolocalizzazione in tempo reale, oltre che sistemi di assistenza sanitaria anche ambulatoriali e servizi di localizzazione di prossimità molto utili per la prima assistenza.

Per attuare il progetto e dunque attrarre l’interesse della comunità scientifica, si è deciso di configurare la città dell’Aquila come un un “Living Laboratory”, che integri al massimo la vita urbana con l’Università, che ne è il fulcro delle attività culturali, attraverso Infrastrutture Sperimentali relative ad aree di ricerca legate alla Smart-City e competenze scientifiche locali.

Prysmian Group sta contribuendo allo sviluppo di questo innovativo progetto italiano attraverso la fornitura dei propri cavi in fibra ottica per la rete infrastrutturale, che è già stata realizzata per 1/3 e su cui sta per essere avviata una prima sperimentazione su un anello corto, che permetterà di ampliare a tutto il progetto la collaborazione tra il Gruppo e l’Università dell’Aquila.

INCIPICT rappresenta, infatti, il contesto giusto per testare tecnologie wireless avanzate e pervasive e fornisce ricerche su soluzioni tecniche per la riduzione del consumo di energia e l’aumento della velocità di trasmissione e larghezza di banda.

Share.

Commenti chiusi.

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Chiudendo questo banner, cliccando “Accetto” o proseguendo la navigazione sul nostro sito, acconsenti all’utilizzo di cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi