Sostenibilità, l’impegno di Prysmian

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Prysmian Group si impegna costantemente a rispettare le indicazioni dell’Agenda ONU 2030, sia nello sviluppo del proprio business in tutto il mondo, sia per quanto riguarda i progetti legati alla sostenibilità delle proprie sedi e delle persone che in esse lavorano tutti i giorni.

Come evidenziato nell’ultima Dichiarazione Consolidata di Carattere non Finanziario (DNF), nel 2018 il Gruppo ha raggiunto importanti traguardi in ambito ambientale, sociale ed economico.

La sostenibilità ambientale, ad esempio; è aumentata la percentuale relativa al riciclo dei rifiuti (66% vs il 50% del 2017) e il riutilizzo delle bobine per il trasporto dei cavi (>50% vs >40% del 2017), superando in anticipo il target fissato al 2020, pari al 40%, mentre i prodotti riciclabili acquistati annualmente per supportare la circular economy hanno raggiunto nel 2018 l’86% vs >80% del 2017.

Nel corso dell’anno, poi, la Società ha erogato oltre 350.000 ore di formazione rivolte ai propri dipendenti, a cui si aggiungono oltre 37.000 ore attraverso la Prysmian Training Academy che ha visto la partecipazione di circa 900 persone. Con l’adozione della “Human Rights Policy”, inoltre, il Gruppo promuove il rispetto dei diritti umani in tutte le comunità locali in cui opera.

In questa direzione si inscrive anche la collaborazione di Prysmian con ONG internazionali per la realizzazione di progetti a favore dello sviluppo delle comunità locali attraverso la donazione di cavi, tra i quali: la costruzione di impianti fotovoltaici, in collaborazione con Electriciens sans frontières, in Angola, nel villaggio di Chiulo, per risolvere la grave condizione di insufficienza energetica dell’ospedale e in Italia, a Palermo, per l’alimentazione energetica di una struttura dove vivono circa 100 persone in difficoltà.

La Società si conferma, inoltre, ai vertici dei principali indici e assessment internazionali di sostenibilità, tra cui FTSE4Good, Dow Jones Sustainability Index (DJSI), Carbon Clean 200 e CDP Climate Change.

Ma l’impegno di Prysmian nei confronti della sostenibilità ambientale e sociale non si ferma qui: l’innovativo Headquarter di Milano è stato progettato, infatti, all’insegna dell’ efficienza energetica.

L’85% dei suoi spazi consente l’utilizzo della luce naturale, grazie al tetto a due falde dei suoi edifici in stile serra, oltre a lampade LED che si attivano attraverso sensori. Tutto ciò permette di ottenere un risparmio energetico maggiore dell’80% rispetto all’utilizzo delle lampadine tradizionali, e di utilizzare l’illuminazione artificiale solo quando necessario.

In estate, inoltre, un sistema meccanico di apertura del soffitto consente un raffrescamento naturale, riducendo così anche l’utilizzo di aria condizionata.

Nella sede di Milano viene poi incoraggiata la raccolta differenziata all’interno delle aree comuni, come nella caffetteria, per limitare gli sprechi. E in questo senso, da pochi mesi, il Gruppo ha lanciato il progetto pilota “Plastic Free”, che prevede l’eliminazione della plastica monouso da tutti gli ambienti dell’edificio, dove lavorano circa 700 persone.

Per loro, proprio in un’ottica di sostenibilità, sono state ideate anche convenzioni sull’abbonamento annuale al trasporto pubblico, al fine di ridurre l’utilizzo delle automobili per raggiungere il posto di lavoro.

Share.

Commenti chiusi.

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Chiudendo questo banner, cliccando “Accetto” o proseguendo la navigazione sul nostro sito, acconsenti all’utilizzo di cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi